Re e regole

Il terzo incontro del nostro Consiglio si è tenuto, sempre presso la Sede della Malva, il 30 gennaio 2019.
Per introdurci al tema delle regole, i nostri facilitatori ci hanno proposto il gioco del “re del mondo” nel quale immaginavamo, passandoci una corona per un minuto a testa, di avere il potere illimitato e di poter quindi decidere e ordinare qualunque cosa volessimo.

Re Alessandro ha passato la corona, re Alessandro II ha ordinato che la gente non debba essere disprezzata, re Thomas che a via Calabria/dei Cosmonauti siano costruiti marciapiedi e installati autovelox, regina Sofia ha ordinato un meccanismo che gestisca automaticamente i rifiuti gettati a terra, regina Anna che sparisse la fame nel mondo, re Niccolò “il burlone” ha ordinato una pizza salame piccante e un monumento d’oro a se stesso alto 250 m, il suo successore (altrettanto scherzoso) re Alessandro III un buono da 10 milioni di euro per il Burger King, regina Margherita che tutti facessero la raccolta differenziata, re Darius che non ci fossero più guerre, re Alex di essere più forte a calcio, re Terence che tutto fosse gratis, re Massimo ha abdicato, Rre Achille che i poveri diventassero ricchi e ricchi poveri, re Flavius ha ordinato pesci d’oro, regina Gaia ha chiesto che tutti potessero essere felici, re Michele I che tutti si considerassero come fratelli, re Francesco ha chiesto di morire in quanto re (cancellando così la monarchia), re Andrea ha chiesto che scomparissero  guerre e  povertà, regina Giulia che si rispettasse tutto, regina Sonia ha abdicato, regina Benedetta ha chiesto che tutti fossero gentili, Regina Sofia di dormire di più al mattino, regina Sofia terza costruire altre scuole in Africa, re Niccolò II ha ordinato a tutti maschi di fare un ballo di Fortnite, re Giulio ha abdicato, re Nicola  che la storia sia ricordata ogni giorno, regina Eva che le scuole siano distrutte, re Gioele che le scuole siano bruciate, regina Marica ha abdicato, regina maestra Cinzia che non si incoronino più re ma che ci sia la democrazia, regina maestra Valeria che tutti gli alunni ascoltino, regina maestra Monica ha ordinato la fine di tutte le ingiustizie.

Dopo avere giocato e riso insieme abbiamo provato a fare alcune riflessioni: ci siamo resi conto che alcune scelte non possono stare bene insieme, che si contraddico e in alcuni casi addirittura si ostacolano. Ci siamo quindi resi conto dell’importanza di non decidere da soli, ma di imparare ad ascoltarci e a decidere insieme.
Poi Michele ci ha portato alcuni esempi storici come quelli del faraone Akhenaton in Egitto e dell’imperatore Asoka in India che avevano fatto cose straordinarie ma le avevano imposte dall’alto e così, dopo la loro morte, non era rimasto niente. Al contrario quando nella storia i cambiamenti sono nati dal popolo sono rimasti nel tempo.
Dopo queste riflessioni abbiamo introdotto il lavoro sulle regole che parte dal nostro benessere, che continueremo nel prossimo incontro.
Re e regoleultima modifica: 2019-01-31T16:39:12+01:00da cres-ce
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento